<iframe src="https://www.googletagmanager.com/ns.html?id=GTM-5TM8W7K" height="0" width="0" style="display:none;visibility:hidden">

Astroturfing e la condanna ai furbetti di Trip Advisor

Astroturfing e la condanna ai furbetti di Trip Advisor

Pubblicato il in Brand reputation

astroturfing e la condanna ai furbetti di trip advisor

Astroturfing: perchè comprare recensioni fasulle non aiuta il tuo business

È  stato proprio un tribunale italiano, quello di Bari, a riconoscere ufficialmente come reato e condannare per la prima volta un’azienda che, con la creazione di profili falsi, vendeva recensioni online fasulle su strutture e ristoranti di tutta Italia. “Astroturfing”, è il temine ufficiale che designa oggi questo tipo di reato. 

Coniato negli Stati Uniti a metà degli anni Ottanta definisce l’attività con la quale si cerca di manipolare l’opinione altrui su determinati argomenti o prodotti,  mediante la creazione di falsi consensi o dissensi.

Sono molte le “aziende”, non solo in Italia, che, come quella scovata e condannata, tentano gli imprenditori contattandoli e proponendo loro pacchetti di recensioni false con finalità di lucro. Promettono, quindi, di far crescere la propria attività o di danneggiare il proprio competitor in termini di brand reputation  (Leggi anche  Perché è importante rispondere alle recensioni online!?), facendo così perdere di credibilità l’intero sistema delle recensioni online.

Tutto ciò svilisce in maniera estrema la professionalità e l’impegno di albergatori e ristoratori che lavorano correttamente e instancabilmente per fornire il proprio servizio al meglio.

Non solo, la garanzia di ricevere recensioni positive senza il minimo sforzo, attirando nuovi ospiti, potrebbe distogliere l’attenzione verso l’ospite, rischiando quindi di danneggiare, invece che giovare, la struttura.

Sappiamo, infatti, quanto può essere pericoloso comunicare un’immagine di sé troppo elevata rispetto a quella realmente percepita. L’ospite, ancora prima di entrare in struttura, genera un opinione riguardo ad essa e ai suoi servizi, facendosi influenzare da ciò che legge online nei numerosi portali, creandosi un’aspettativa più o meno elevata di questi. Arrivato in struttura ed effettuando il pernottamento, si accorgerà subito se la struttura differisce o meno dall’aspettativa che si è generato. E si sa quanto un ospite scontento possa impegnarsi nel rilasciare recensioni negative su ogni canale esistente!

Sicuramente, i portali di recensione non perderanno d’autorevolezza a breve, agli occhi del potenziale viaggiatore, perciò, senza ricorrere a questi criticabili “mezzucci” per ottenere maggior visibilità risulta necessario comunicare in prima persona, in maniera più efficace e strutturata.

Quasi tutte le strutture possiedono oggi un sito internet, molte presenziano anche con pagine aziendali sui social network, ma risultano poche quelle che riescono ad attrarre ed attirare l’attenzione degli utenti creando interazioni sempre più crescenti. Impegnarsi dunque affinché la propria comunicazione risulti più forte ed efficace può sicuramente far guadagnare un vantaggio, in questo senso, alle strutture.    

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani sempre aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter
Federica Sartori

Consulente settore turismo Sono una persona piuttosto schietta e genuina, sempre con il sorriso, e mi piace portare un po’ della mia personalità in ogni situazione in cui mi trovo. Apprezzo molto sincerità e coerenza. Cerco di formulare sempre la mia personale opinione o visione su un argomento, ma allo stesso tempo considero con massimo riguardo anche i punti di vista contrari al mio. Sono convinta che le migliori idee e le migliori relazioni nascano davanti ad un buon bicchier di vino. info@ga-group.it